Spett. redazione,

con molto dispiacere apprendo che la Vs testata giornalistica pubblicizza attività totalmente illegali.

Mi riferisco al “Cantiere” che viene, da voi pubblicizzato, come servizio ricreativo per i piccoli, senza pensare che opera privo di qualsiasi titolo abilitante, sia amministrativo, igenico sanitario che di sicurezza in zona rurale vincolata, gravata da numerosi atti repressivi del comune di Ponza e sotto inchiesta della magistratura.

Sarebbe il caso di informarsi prima sulla bontà delle iniziative, poi saggiarne le competenze e poi magari….pubblicizzarle.

Per queste notizie sarebbe utile informarsi presso il sindaco di Ponza, che ben conosce la problematica.

Verificare le fonti e le notizie è un obbligo per un buon giornalismo.

Saluti e buon lavoro

Fabio D’Atri

Ponza

 

Gentile signor D’Atri,

La ringraziamo per la segnalazione che, come può vedere, volentieri pubblichiamo.

Dobbiamo però fare alcune precisazioni.

  1. Non siamo una testata giornalistica, ma solo un blog locale, che non avendo cadenza periodica nell’aggiornamento dei contenuti non è soggetta agli obblighi dell’art. 5 della Legge 47/1948.
  2. In ogni caso concordiamo sull’opportunità di effettuare la cosidetta “verifica delle fonti”. Essa, nel caso specifico,consisteva nel verificare se la notizia dell’evento annunciato o, come lei dice ‘ pubblicizzato’, fosse reale e non inventato. Evidentemente era reale e tutto il resto, per quanto ci riguarda, restano solo sue affermazioni di cui siamo costretti a dissociarci ignorandone la veridicità.
  3. Non compete certo a una “testata giornalistica” appurare se il luogo in cui svolge l’evento è in regola con le leggi. Questo semmai è compito del Sindaco che sicuramente dispone di tutti gli strumenti per reprimere “ le attività totalmente illegali” e al quale forse avrebbe dovuto inoltrare le sue rimostranze. Cordialmente.  PONZANOTIZIE

La ‘notizia incriminata’:

http://ponzanotizie.altervista.org/cantiere-aperto-per-i-bimbi-di-ponza-tutti-i-sabato-pomeriggio/

 

 

Lascia un commento