E’ stata confermata oggi da tutte le agenzie d’informazione il ritrovamento del corpo di Davide Curcio. Come Ponzanotizie aveva anticipato fin dal 13 gennaio, è stato rinvenuto ad una profondità di circa 60 metri al largo di Livorno il peschereccio  affondato l’11 gennaio c’è il cadavere di Davide Curcio.  Lo ha reso noto il Cnes di La Spezia. Come si ricorderà nell’incidente ha perso la vita anche il padre di Davide, Silverio Curcio, entrambi originari dell’isola di Ponza.
Il Centro Nautico Sommozzatori di La Spezia, che opera per la polizia di Stato, ha precisato che il ritrovamento è stato effettuato da un gruppo di sommozzatori altamente specializzato. Per le ricerche è stato utilizzato anche un piccolo robot subacqueo, più una telecamera. Il cadavere del pescatore e’ impigliato a bordo.
La prefettura di Livorno ha chiesto l’intervento della Marina militare per recuperare il peschereccio. La decisione e’ stata presa dopo un incontro avvenuto a Palazzo del Governo, a Livorno, chiesto e ottenuto dalla famiglia delle due vittime, Silverio e Davide Curcio, rispettivamente padre e figlio.
Il primo e’ stato trovato morto poche ore dopo il rovesciamento dell’imbarcazione; del secondo, ufficialmente disperso fino ad oggi, e’ stato individuato il corpo alcune ore fa da parte dei sub specializzati del Cnes della polizia di Stato di La Spezia: si trova intrappolato nel relitto del peschereccio. Con un eventuale intervento dei mezzi della Marina militare verrebbe anche risparmiato un notevole impegno economico per la Procura, che sta indagando sul fatto, e che dovrebbe affidare l’operazione di recupero del relitto del ‘Santa Lucia II’ a una ditta privata. Il pm che coordina l’inchiesta, Giuseppe Rizzo, oltre all’autopsia sul corpo di Silverio Curcio, ha anche disposto una perizia tecnica di un ingegnere meccanico.

Nel frattempo proseguono al largo di Rosignano le operazioni subacquee del Cnes di La Spezia, il nucleo della polizia di Stato formato da sommozzatori altamente specializzati. L’obiettivo, secondo quanto si apprende, e’ ora quello di recuperare il corpo del pescatore per poterlo mettere il prima possibile a disposizione della magistratura e dei parenti.
Sembra che martedì inizieranno anche  le operazioni di recupero del peschereccio affondato. Non è escluso che possa essere impiegata la Nave Anteo della Marina Militare Italiana,  altamente specializzata e appositamente attrezzata per operazioni di recupero anche a grandi profondità.
Fonti vicine alla famiglia Curcio, ritengono molto probabile che domani lunedì 16 si terranno i funerali di Silverio Curcio.

Portofranco

Lascia un commento