Anche questa domenica vi proponiamo una poesia del nostro Carmine Pagano che ci presenta una bellissima poesia tratta da una sua raccolta di versi intitolata ‘Sangue ‘e rutunn’, più ponsese di così….

 

Sangue i Rutunno

 

Forse è retorica,

forse l’hanno ditto già,

ma ho voglio di pur’io

pecchè chesta è a verità.

 

Chi nasce a Ponza tene

na calamita che l’attira,

gira pu munno pe ghi a fatic

magari fa fortuna e fa i denari,

ma ‘n’copp’u scoglio primma

o doppo adda turnà.

 

Sta calamita è na nustalgia

ca se mette dint’u core.

Nu desiderio e rivedè l’acqua du mare,

l’addore de ginestre a primmavera,

a voglia i na passiata a Pont’u Muolo,

saglì a Chiaia i Luna primma che fa sera

pe ghi a vedè comme tramonta u sole,

l’aria ca s’appiccia i russo e i viola

e nu riflesso d’oro a miezzo u mare.

 

Simme fatte accussì, simme Punzisi,

tenimme sangue i ruttunno dint’i vene

sentimmo u desiderio i turnà a casa

comme sti pisci che ogni primavera

tornano accà pe ‘nce fa felici.

Lascia un commento