“E anche questa è fatta”,  tira un sospiro di sollievo il sindaco di Ponza Piero Vigorelli.  Ieri ha infatti cominciato a firmare le nuove autorizzazioni per il noleggio delle attrezzature balneari (sdraio, lettini, ombrelloni) per questa stagione estiva, con una procedura che resterà valida anche per i prossimi anni.

Fra i primi a ricevere il documento sono stati i due giovani, Silverio Avellino e Guido Vitiello, che operano a Le Forna alle piscine naturali e a Cala Fonte, che la settimana scorsa per un paio d’ore si erano incatenati sul balcone del Comune protestando la loro voglia di lavorare in piena legalità.

“La nuova autorizzazione è infatti conforme alle leggi vigenti, mette fine a vecchi abusi e abusivismi, da certezza di poter svolgere in serenità il proprio lavoro”, commenta il Sindaco. “Ringrazio i titolari delle vecchie autorizzazioni che hanno avuto la pazienza di attendere la soluzione che garantisce il loro futuro, dando fiducia al Sindaco e rinunciando a lavorare da fuorilegge”.

[banner size=”468X60″ corners=”rc:0″]

Il nuovo modello  interessa una buona ventina di persone o gruppi di persone, soprattutto a Le Forna, ma anche al Frontone dove dal 30 marzo scorso il Commissario Prefettizio ha chiuso le tre attività turistico-ricreative.  Questo vuol dire che nella spiaggia più frequentata  dalle famiglie con bambini, saranno ridotti i disagi patiti finora. A Frontone ci saranno presto anche servizi in spiaggia per generi di prima necessità affidati a Ponzesi.

Le nuove autorizzazioni sono molto rigorose.  Si tiene ad esempio in debito conto se l’area interessata al noleggio ricada  in zona PAI;  si obbliga al deposito delle attrezzature fuori dall’area demaniale;  vengono  imposte assistenza ai bagnanti con un bagnino patentato e con le bandiere di segnalazione di eventuali pericoli;  si ingiunge la pulizia del luogo;  si fa obbligo di predisporre idonei servizi i soggetti diversamente abili.

I titolari delle nuove autorizzazioni hanno sottoscritto queste clausole e si sono impegnati a rispettarle (pena la decadenza).  “Una soluzione impensabile fino a un paio di mesi fa”, commenta il sindaco Vigorelli:  “Questa è la notizia più bella:  Ponza sta voltando pagina rispetto al passato e la voglia di diritti e doveri uguali per tutti è ormai prevalente”.

 

Lascia un commento