GAETA: GLI ENTI SI ACCORDANO PER LO SVILUPPO LOCALE

Marketing territoriale e SUAP a braccetto

Alla riunione erano presenti i rappresentanti dei comuni dell’Associazione SER.A.L., le associazioni imprenditoriali, gli ordini professionali, le associazioni culturali e alcuni imprenditori locali. La riunione ha consentito di individuare le finalità di un accordo tra le forze produttive e gli enti della pubblica amministrazione, per promuovere assieme il territorio e ottimizzare i servizi che regolano gli investimenti produttivi in loco. Il sindaco Anthony Raimondi, che ha aperto i lavori, ha indicato la necessità di superare le lentezze burocratiche attraverso una maggiore cooperazione tra gli enti del territorio, plaudendo all’associazionismo dei comuni per facilitare l’innovazione nella gestione delle pratiche autorizzatorie e riducendo così i tempi di realizzazione degli investimenti. L’assessore Vecchiariello ha voluto rappresentare i progressi che il comune di Gaeta ha compiuto in questo ultimo periodo, attraverso la realizzazione del portale web istituzionale (www.comune.gaeta.lt.it), la certificazione dello sportello unico per le attività produttive, l’acquisizione del portale di marketing territoriale, già in dotazione ai comuni di SER.A.L. Egli ha anche auspicato la riuscita dell’iniziativa promossa per la costituzione di un gruppo di giovani che opererà a supporto delle forze produttive del territorio e delle associazioni, per aiutarle ad utilizzare il nuovo portale già visibile all’indirizzowww.marketing.territoriale.it. Due i temi oggetto della discussione tra i partecipanti alla tavola rotonda condotta dal prof. Renato Di Gregorio della Segreteria dell’Associazione SER.A.L.: come contribuire alla promozione congiunta del territorio e come gestire per via telematica il procedimento unico per le autorizzazioni delle pratiche presentate dalle imprese che vogliano investire sul territorio. Sul primo punto, la promozione, il territorio dispone ora sia del portale comunale appena pubblicato, sia del portale di marketing territoriale ad esso collegato. L’accordo prevede la contribuzione da parte di tutte le forze produttive presenti all’implementazione di contenuti su entrambi gli strumenti. Contribuzione che avverrà anche grazie al supporto da parte dei giovani del laboratorio di marketing territoriale “GAETAMARK”. Sul secondo punto, l’accordo prevede l’informazione e la formazione del personale dei vari enti che concorrono alla gestione del procedimento unico, affinché si disponga di una rappresentazione chiara e pubblica delle modalità che le imprese dovranno utilizzare. Ciò richiederà anche un affiatamento e una cooperazione efficace, sia direttamente, che sulla rete di collegamento tra gli enti tramite il software applicativo in uso ai comuni. Il dott. Panico della ASL di Latina ha auspicato che l’attuale disponibilità di mezzi e strumenti a disposizione dei 16 comuni dell’Associazione SER.A.L. possa essere estesa anche agli altri comuni della provincia così da consentire una modalità omogenea di collaborazione, ai fini di un servizio adeguato verso le imprese del territorio. L’ingegner Chiota dell’Ordine degli Ingegneri di Latina ha auspicato che la formazione consenta di rendere ancora più efficace la metodologia della conferenza dei servizi per la rapida gestione delle problematiche inerenti ciascuna richiesta imprenditoriale. Il comandante in seconda della capitaneria di porto, Latinisia, ha auspicato una rapida definizione dell’accordo e il rapido avvio di una collaborazione che consenta di potenziare gli strumenti tecnologici in uso e sviluppare un rapporto locale più efficace. I giovani di GAETAMARK presenti sono stati invitati a completare rapidamente la propria formazione così da poter dare un valido supporto alle imprese del territorio nel rappresentare se stesse, i propri prodotti e le proprie attività sul portale di marketing. Ciò renderà ancora più agevole la gestione delle pratiche autorizzatorie perché consentirà ai tecnici del comune di avere le informazioni di base al momento della presentazione delle pratiche. La riunione si è conclusa con l’impegno di approfondire l’esigenze di ciascun ente, di raccogliere i fabbisogni formativi specifici e di stendere una prima ipotesi di accordo di carattere generale, che consenta una collaborazione tra gli enti tale da assorbire anche le prossime iniziative di semplificazione burocratica connesse alle politiche del governo.

Lascia un commento