Se torneremo al governo, vogliamo levare l’Ici sulla prima casa» – E’ stata la dichiarazione del Senatore Gasparri che ha sollevato più entusiasmo tra il pubblico che ha assistito alla conferenza stampa sull’economia del mare, organizzata nella tarda mattinata di oggi, all’aperto presso il Bar La Triestina di Gaeta.

Assente il il Presidente Cusani è stato Giambattista Balletta ad esprimerne le linee programmatiche e politiche al tavolo coordinato da Roberto Mari e al quale sedevano oltre al Candidato Sindaco Mitrano anche il senatore Maurizio Gasparri, presidente del gruppo parlamentare del Popolo della libertà al Senato, giunto a Gaeta per fare gli auguri al candidato sindaco cui ha dato il merito di essere
riuscito a mettere in campo una proposta politica solida che abbraccia
partiti del centrodestra e vari movimenti civici. «Obiettivo di questa
coalizione – ha spiegato Gasparri al termine di una passeggiata lungo via
della Indipendenza – è di ottenere l’affermazione al primo turno, le
condizioni perché questo avvenga ci sono. Gaeta in questi anni non ha
avuto una gestione all’altezza delle sue potenzialità ed è giunto il
momento di cambiare». Rivolgendosi a Mitrano gli ha detto: «Sei coraggioso a prendere sulle tue spalle robuste queste responsabilità perché oggi fare il sindaco è un atto di eroismo: le misure finanziarie adottate dal governo Monti sono pesanti
specialmente per i Comuni, le risorse sono limitate, ma potrai attingerle
coinvolgendo vari enti territoriali (Regione, Provincia, Autorità portuale) e l’Unione Europea. Noi ti saremo vicini.
Cosmo Mitrano , dopo aver ringraziato il presidente del gruppo parlamentare del Senato, ha assicurato l’impegno che metterà alla guida del governo cittadino che è chiamato ad affrontare molti problemi a partire da quelli dei conti pubblici. «Innanzitutto – ha scandito –dovremo approvare il bilancio preventivo del 2012 per cominciare a dare una prima sterzata alla fase di programmazione che in questi anni è stata molto carente». «D’altronde – ha concluso – basta guardarsi intorno e
vedere che la città è rimasta al palo, isolata e noi ci impegneremo a far
rialzare la testa ai gaetani ed a ridare fiato allo sviluppo socio-economico e culturale che ha segnato il passo in questi anni e ridare a Gaeta il ruolo che merita»

Lascia un commento