Prime burrasche in casa Mitrano. Il coordinamento gaetano di Città Nuove non riconosce la nomina dell’assessore Di Biagio come propria espressione politica.

“Quale rispetto per i cittadini che, alle recenti elezioni amministrative, hanno espresso la loro preferenza per “Città Nuove” a Gaeta? – è scritto in un comunicato stampa diffuso ieri dal movimento Città Nuove di Gaeta –  L’impressione è che le modalità con cui si è proceduto alla composizione della giunta della città si siano sviluppate in totale disprezzo del voto di coloro che hanno dato fiducia ai candidati della lista “Città Nuove”, risultata quarta per numero di voti (su ventotto liste partecipanti alla competizione) e terza tra quelle della coalizione per Mitrano sindaco.

I dubbi emergono dal fatto –prosegue la nota – che la nomina dell’assessore Antonio Di Biagio, quale elemento espresso da “Città Nuove”, non è frutto, in realtà, della indicazione del gruppo territoriale di Gaeta, né, tanto meno, può dirsi che trattasi di persona che ha direttamente preso impegni con gli elettori del luogo, ma è stata invece imposta da fuori, a prescindere dalla condivisione con il movimento locale. Tale scelta, purtroppo, ha dato ragione e prova di quanto affermato, nel corso della campagna elettorale, dagli avversari di Mitrano, i quali sostenevano che, ad elezione avvenuta, il primo cittadino avrebbe risposto ed obbedito a ordini arrivati da fuori Gaeta.  E’ davvero questo lo spirito e la filosofia che anima “Città Nuove”? “

Il comunicato conclude : “L’analisi delle iniziative da adottare a seguito della decisione del neo sindaco diescludere i rappresentanti della lista dal governo della città è stata oggetto di una apposita riunione, a cui hanno partecipato gli iscritti e i promotori della Lista “Città Nuove” di Gaeta, nel corso della quale, tra i vari argomenti affrontati, è stato ribadito anche il lavoro ed il valore della recente campagna di tesseramento, che è stata condotta all’insegna del rispetto dei principi e dei ruoli, che ora si chiede di onorare.”

 

Lascia un commento