C’erano anche circa 100 pescatori ponzesi tra quelli che ieri hanno manifestato a Roma davanti ai palazzi della politica.

Caro gasolio, licenza a punti, le ultime due mazzate che hanno colpito  una categoria sempre più in crisi.
Ricevuti da Russo – Alcuni rappresentanti dei pescatori  tra cui il ponzese Ettore Di Meglio – sono stati ricevuti dal presidente della commissione Agricoltura di Montecitorio, Paolo Russo, che durante l’incontro ha detto:”La Prossima settimana ne discute la Camera. Difenderemo gli interessi dei pescatori. Sarà nostro compito – ha assicurato inoltre Russo – trovare la ragioni comuni per difendere, senza entrare nella querelle sulla rappresentanza delle istanze del settore, i legittimi interessi di una categoria particolarmente vessata dal caro gasolio e da una selva di norme che, in sede comunitaria, troppo spesso si preoccupano, nonostante la recessione economica, più del pesce che dei pescatori”.
Ci sono state anche tensioni con le forze dell’ordine che hanno reagito al lancio di petardi con una carica in cui sono rimaste ferite almeno tre persone. Nessun pescatore isolano è rimasto coinvolto in episodi di violenza.
La riunione presso la Direzione Pesca del Ministero prevista in un primo tempo per il 25 poi spostata al 27 ha subito un ulteriore rinvio al 30 gennaio. Intanto la protesta continua.
Portofranco

Lascia un commento