La sede di Tele Monte Orlando, in via Rimini, a Gaeta, ha ospitato ieri mattina la conferenza stampa di presentazione della lista Noi Democratici che appoggia la candidatura a sindaco di Antonio Raimondi per proseguire un’esperienza di governo nata e consolidatasi nei cinque anni appena trascorsi. A intrudurre l’incontro il capolista, Lino Magliuzzi, che ha fatto la cronistoria del Movimeno frutto della fusione tra MDP e parte del PD. Tre consiglieri comunali e due assessori nella prima Amministrazione Raimondi : una presenza forte che ha portato a “ottimi risultati”, con progetti già realizzati o in via di definizione. Da qui la voglia di continuare quest’esperienza per portare a compimento tutto ciò che è stato pensato e che altri cinque anni di governo renderanno possibile concretizzare. La lista è formata da otto donne e otto uomini, tutti professionisti impegnati nel sociale e nell’associazionismo. Persone già vicine al Movimento, pronte a spendersi per la Città con convinzione. Con Magliuzzi erano presenti Francesco Como, Emanuela Cervone, Eloisa Salipante, Simonetta Riccio, Maria Rosaria Abbate, David Vecchiariello, Cosmo Di Perna ed Enrico Mazzioli. Nel programma della coalizione di Antonio Raimondi, i democratici spingeranno per alcuni punti legati al miglioramento del benessere dei cittadini e quindi della qualità della vita, oltre a sostenere quelli più a lungo termine ma necessari per lo sviluppo. Qualche esempio: la realizzazione di un campus universitario in area Cappuccini, la concretizzazione di quanto inserito nel protocollo Eni, l’ impegno per eventi culturali sempre più qualificati per un turismo inteso  finalmente come settore trainante dell’economia cittadina.  Alle domande sulla situazione interna al PD cittadino ormai dilaniato in più parti, è stato risposto che, dopo le elezioni, non si esclude che sarà proprio questo Movimento a far risorgere il partito oggi neppure presente con il proprio simbolo alle consultazioni del 6 e 7 maggio prossimi. Com’è noto “scelte dolorose ma obbligate” dei vertici regionali e provinciali del Partito Democratico hanno imepdito a Pina Rosato di utilizzare il simbolo per la sua candidatura a sindaco visto che la sua corsa solitaria non collimerebbe con la visione del partito. Noi Dem, quindi, resta con Raimondi la cui amministrazione civica ha operato una “politica democratica e riformista in linea con gli ideali dei componenti della lista di Magliuzzi” che oggi ha le carte in regola per rappresentare il centro sinistra all’interno dell’alleanza civica. Noi Dem ha poi sottolineato i risultati amministrativi promossi dai propri rappresentanti in seno alla Giunta uscente: lavori pubblici importanti, portualità, contributo fattivo a turismo, grandi eventi. Per il futuro c’è l’auspicio di aumentare i consensi elettorali per contare ancor più all’interno di un’alleanza comunque consolidata. Proseguire uniti, allora, garantendo governabilità, al contrario di “altre coalizioni variopinte sulla cui tenuta -ha concluso Magliuzzi- esiste qualche legittimo dubbio”. Entusiamo tra i nuovi candidati che rappresentano “linfa nuova per idee a contributi”. 

Lascia un commento