Siamo negli ultimi giorni di campagna elettorale e la candidata sindaco Pina Rosato lancia un progetto per la costituzione di una comunità solare a Gaeta. Proponiamo un codice etico ambientale da sottoscrivere per chi vuole aderire.

Gaeta è una tra le più belle città marinare d’Italia e se sarò eletta sindaco, afferma la Rosato, tra le prime cose che realizzerò sarà una comunità solare. Per questo sono ancora una volta qui a chiedere l’impegno di tutti i cittadini poiché per migliorare la vita della nostra città occorre far nascere un nuovo protagonismo cittadino che potrebbe ritrovarsi proprio nella costruzione di una Gaeta che attraverso i suoi cittadini s’impegna ad utilizzare energie alternative.

Il progetto, spiega la Rosato, nella sua realizzazione pratica prevede una serie di step e sarebbe in primis utile alla costruzione di un adeguato piano energetico comunale che come prevedono le direttive europee dovrebbe garantire, pena sanzioni, la riduzione del 20% l’utilizzo di energie proveniente da gas fossili.

In buona sostanza si tratta di coinvolgere una serie di soggetti tra cui il comune, partner privati, enti di ricerca e naturalmente cittadini. In linea con una città che migliora il suo aspetto urbanistico abbiamo pensato di mettere a disposizione per l’istallazione dei pannelli solari alcune tra i nostri edifici pubblici, come scuole o aree dismesse, in modo da consentire sia una manutenzione straordinaria degli stessi sia una loro riqualificazione. Considerata la fattibilità parallelamente si andrebbe a costituire una cooperativa di cittadini che aderiscono alla comunità solare usufruendo di sgravi fiscali e sottoscrivendo un codice etico per proclamare Gaeta città sostenibile.

Di questo tipo di iniziative, conclude la Rosato, una buona parte dell’Italia che cresce e pensa al futuro già se ne trovano in abbondanza e per questo visto e considerate le straordinarie condizione ambientali e territoriali della nostra città ritengo improrogabile assumerci tale impegno.

 

Lascia un commento