Via libera dalla commissione presieduta da Carlino (Udc) al piano PAI – Per Ponza confermata l’ inagibilità del 97% delle coste.

Parere favorevole a maggioranza della commissione Ambiente del Consiglio regionale del Lazio, presieduta da Roberto Carlino (Udc), al piano stralcio per l’assetto idrogeologico (PAI) dell’Autorità dei Bacini Regionali del Lazio.

Il piano per l’assetto idrogeologico è uno strumento per l’individuazione delle aree, nel territorio di competenza dell’Autorità dei Bacini Regionali del Lazio, da sottoporre a tutela per la prevenzione e rimozione delle situazioni di rischio. Inoltre esso pianifica e programma sia gli interventi di tutela dal rischio di frana e di inondazione sia le norme d’uso del territorio. Sono stati censiti a questo proposito, negli ultimi 5 anni, 1067 eventi calamitosi. Tra le novità che caratterizzano il PAI: una cartografia che evidenzia le aree per le quali non ci sono elementi per la classificazione di rischio in modo tale da non farne presumere la “sicurezza”; indagini sul direttamente sul territorio; nuovi modelli matematici per la zonizzazione di rischio portando ad una loro revisione.

Il consigliere Angelo Bonelli (Verdi) ha chiesto che prima dell’approvazione del piano siano ascoltati l’Ordine dei geologi e le associazioni ambientaliste. L’assessore Mattei si è impegnato a consultare tali soggetti prima della discussione e del voto in Consiglio regionale.

Hanno partecipato alla seduta Lidia Nobili (Pdl), Andrea Bernaudo (Pdl), Francesco Storace (La Destra), Francesco Pasquali (Fli), Claudio Mancini (Pd) e Rocco Berardo (Lista Bonino Pannella).

 

Ufficio Stampa

Consiglio regionale del Lazio

 

Lascia un commento