Lavitola a Fiumicino: il ritorno in Italia il 16 aprile (Ansa)Lavitola a Fiumicino: il ritorno in Italia il 16 aprile (Ansa)

INDAGATO L’AVVOCATO SAMMARCO– Le carte processuali svelano pure che uno dei legali del leader del Pdl, l’avvocato Alessandro Sammarco, è indagato per aver cercato di convincere Lavitola a rendere false dichiarazioni ai pubblici ministeri in concorso con Eleonora Moiraghi, uno dei difensori del faccendiere. L’inchiesta dei pubblici ministeri Vincenzo Piscitelli, Henry John Woodcock e Francesco Curcio comincia lo scorso anno e riguarda il presunto ricatto a Berlusconi compiuto da Gianpaolo Tarantini, l’imprenditore pugliese che portava donne a pagamento alle feste del presidente. Le verifiche sul suo comportamento e di sua moglie Nicla, fanno emergere il ruolo di Lavitola che si occupava di mediare con Berlusconi e nella primavera del 2011 si appropria di 500 mila euro destinati alla coppia. È la sorella del faccendiere, nel febbraio scorso, a raccontare che l’uomo continua a pretendere soldi da Berlusconi. E indica in uno dei difensori, l’avvocato Gennaro Fredella, la persona che è a conoscenza dei dettagli della vicenda. Dichiara a verbale Maria Lavitola: «Il 28 marzo scorso il legale ha chiesto di vedermi. Nella circostanza l’avvocato mi disse che mio fratello aveva spedito una mail o un fax all’onorevole Berlusconi con il quale mostrava il biglietto aereo di rientro in Italia con sotto scritto: “Torno e ti spacco il culo”. L’avvocato era molto contrariato e mi disse che mio fratello era veramente pazzo e lui non sapeva che cosa fare».[banner]
Il professionista viene convocato in Procura a Napoli l’11 maggio scorso. Conferma questa versione e aggiunge altri particolari. «Nell’ultima decade di marzo io e l’avvocato Gaetano Balice fummo contattati dall’avvocato Sammarco per chiedere se poteva fare un interrogatorio nell’interesse di Berlusconi. Lo incontrai nello studio di Eleonora Moiraghi, un altro legale di Lavitola con la quale si davano del tu. Presi tempo e poi comunicai che io e Balice eravamo contrari, ma parlai con Lavitola e lui mi parse assolutamente favorevole… Intanto Sammarco aveva comprato i biglietti per l’Argentina per lui e per la Moiraghi. Alla fine comunicammo a Sammarco la nostra contrarietà all’interrogatorio e Moiraghi si adeguò. Lavitola era molto contrariato». Secondo Maria Lavitola durante l’incontro Sammarco avrebbe così cercato di convincere Fredella: «La salvezza di Valter Lavitola è la salvezza del mio cliente».

LA LETTERA PER GLI ACCORDI– Quali siano gli argomenti che Lavitola intendeva usare per convincere Berlusconi a pagarlo sono ben illustrati in una lettera che il faccendiere aveva incaricato la sorella di recapitargli. La donna nega di averlo fatto ma i magistrati sono convinti che della consegna si sia occupato Pintabona che in una telefonata intercettata precisa di avere «ancora aperta una partita a briscola con il nano maggiore» secondo gli inquirenti «intendendo appunto Berlusconi».
Dopo aver confermato «la mia amicizia e lealtà come sempre», Lavitola scrive a Berlusconi: «La prego solo, nei limiti di quanto le sarà possibile, di tutelare la mia onorabilità. Le ricordo che il 9 agosto scorso, quando sono stato da lei con i due ragazzi (i coniugi Tarantini ndr ), le hanno confermato la mia correttezza e lei ha confermato loro la disposizione che mi aveva dato di consegnar loro una somma solo per avere un’attività all’estero. L’unica cosa che non consentirò è che, anziché essere considerato un amico disposto a sacrificarsi senza aver mai ottenuto nulla, venga qualificato come un piccolo truffatore che approfittava della sua fiducia». Poi quello che sembra un avvertimento: «Dalla lettura delle carte sarà impossibile sostenere che non ho ricevuto i 500 mila euro in contanti».

GLI APPALTI DELL’ENI– Erano state alcune intercettazioni, poi confermate dallo stesso Tarantini durante il suo interrogatorio, a rivelare come nella primavere del 2011 l’imprenditore pugliese stesse cercando di ottenere un appalto dall’Eni sfruttando l’amicizia con Berlusconi. Il faccendiere indica all’ex premier la linea da tenere: «Sarà necessario spiegare la questione dell’Eni. Considerato che Tarantini sta parlando a ruota libera, l’unica cosa sostenibile è che lui le ha chiesto di far inserire nell’albo dei fornitori di una società dell’Eni un suo amico che a sua volta lo avrebbe aiuto a reinserisi. Lei ha sollecitato Scaroni (il presidente ndr ) a far valutare la richiesta ma poi non se ne è fatto nulla. In effetti è la verità. Ho affidato questa nota a una persona di mia assoluta fiducia. È venuto lì e ritorna. Se vuole farmi pervenire qualche messaggio per variare qualcosa di quanto sopra riportato, potrà farlo comunicare verbalmente al latore, che me lo riporterà fedelmente. Un fraterno saluto. Valter».

Fiorenza Sarzanini
fsarzanini@corriere.it

 

Lascia un commento