Dopo l’arresto del settembre 2011, un’altra tegola si abatte su Pompeo Porzio ex  Sindaco di Ponza. I reati contestati a Porzio  vanno dalla turbativa d’asta all’ abuso d’ufficio, falso materiale e truffa commessa con lo scopo di ottenere finanziamenti pubblici, reati commessi nell’ambito di un’associazione per delinquere al cui vertice si collocava l’ex Sindaco di Ponza.

Le indagini patrimoniali svolte a sostegno della odierna misura di prevenzione, hanno altresì consentito di accertare che a fronte di un tenore di vita agiato, l’ex Sindaco PORZIO ha dichiarato redditi che, come mette in evidenza il provvedimento del Tribunale, “ in qualche caso difficilmente avrebbero consentito la sopravvivenza ed il soddisfacimento dei bisogni primari”

Nel dettaglio, con l’odierno provvedimento, venivano sottratti alla disponibilità di PORZIO:

3 conti correnti presso la Banca “ Monte dei Paschi di Siena” ;
4 conti correnti presso la banca “ Intesa San Paolo”
2 depositi di risparmio presso la banca “ Intesa San Paolo”
1 fondo d’investimento presso la Banca “ Intesa San Paolo”
3 carte “ poste Pay” ;
Un deposito a risparmio presso Poste italiane s.p.a.

BENI IMMOBILI

Appartamento destinato a civile abitazione sito in Roma via Enrico Stevenson n. 24 piano 3^;

un motociclo

Autovettura

PARTECIPAZIONI SOCIETARIE

Quote per il 50% della società “SANTA MARIA SRL

Lascia un commento