Sempre a proposito della divisione dell’atomo.

Franco Torchia, segretario nazionale organizzativo dell’Edera, con una lettera inviata al giornale on- line Golfonews, vicino all’ area PDL,  interviene nella guerra delle sezioni di gaetane del PRI : si schiera dalla parte di Giacinto Matarazzo e sconfessa Salvatore Delio.
Un intervento dall’alto  dai toni gentili ma decisi,  che nei fatti lascia poco spazio a Salvatore Delio, che anche se viene invitato a a collaborare con Giacinto Matarazzo, – per non confondere l’elettorato – di fatto è messo all’angolo, ovvero in posizione subalterna.
Quello di Torchia, vista la sua posizione nel partito che fu di La Malfa, sembra un intervento ultimativo che dovrebbe scrivere la parola fine, ma conoscendo la tenacia di Delio, dubitiamo che la querelle sia finita.
In ogni caso, si discute della divisione dell’atomo. Tanto rumore per… poco. Nessuno dei due gruppi sembra in grado di mettere in campo il simbolo dell’edera.
La lettera:
Gentile Direttore,
Leggo sul quotidiano on line www.golfonews.com una comunicazione del Signor Salvatore Delio che si dichiara rappresentante locale e nazionale del Partito Repubblicano Italiano di Gaeta, con la quale lo stesso contesta le iniziative avviate in vista delle elezioni amministrative di primavera da Giacinto Matarazzo segretario della sezione PRI  “G. Spadolini” di Gaeta e da Augusto Di Lorenzo, responsabile provinciale di Latina. Mi preme informare codesta gentile Redazione che il sottoscritto,  nella qualità di segretario nazionale organizzativo del PRI, in seguito alle dichiarazioni del signor Delio, è stato costretto ad intervenire per mettere fine alle polemiche estenuanti che fanno solo del male al mio partito, ma anche per un dovere di chiarezza che è dovuto non solo ai vostri lettori, ma anche ai cittadini di Gaeta, che nella veste di elettori saranno chiamati alle urne.
E’ certamente vero che il signor Delio Salvatore è componente del Consiglio nazionale del PRI, inserito in quota ex Mre all’ultimo congresso nazionale del Partito che si è svolto a febbraio del 2011 a Roma, non è altrettanto vero che egli sia il rappresentante locale di Gaeta. Egli è, forse, il responsabile di un gruppo di amici, sempre ex Mre, rientrati nel partito dopo la riunificazione. Tra l’altro occorre precisare che questo gruppo di amici, ad oggi non hanno ancora rinnovato la tessera del Partito al quale si dicono di appartenere. Per quanto mi riguarda, attualmente, l’unica sezione legittimata a rappresentare il PRI a Gaeta è quella costituita dall’avv. Giacinto Matarazzo.
Per quanto riguarda poi le iniziative assunte da Augusto Di Lorenzo è evidente che egli coordina tutto il partito a livello provinciale ed ha la titolarità del simbolo per la  presentazione delle liste Edera. Tale titolarità gli deriva dal Segretario nazionale Francesco Nucara.
Non voglio entrare nel merito delle scelte del Partito di Gaeta, che può liberamente scegliere quale candidato sindaco sostenere, sulla base dei programmi e dei contenuti che sono più affini alla nostra storia e tradizione.
Le trasmetto la lettera che ho spedito al Signor Delio Salvatore con la quale lo diffido a fare dichiarazioni a nome del PRI se non concordati con Giacinto Matarazzo ed in ogni caso in linea con la posizione assunta dal responsabile provinciale, pena l’assunzione di provvedimenti disciplinari a suo carico. Le sarei grato se volesse dare a questa mia comunicazione il necessario risalto, chiedendo altresì a codesta redazione di tener conto dei contenuti della stessa di fronte ad eventuali altre dichiarazioni riguardanti le iniziative del PRI nella cittadina di Gaeta.
Un cordiale saluto.
Franco Torchia

Lascia un commento