Annunciata la data della prossima edizione dello Yacht Med Festival

 Alla conclusione della quinta edizione dello Yacht Med Festival è tempo dei primi bilanci, in attesa dei risultati delle indagini qualitative e quantitative effettuate tra espositori e visitatori.

Al di sopra delle previsioni la partecipazione del pubblico. “Abbiamo monitorato la situazione quotidianamente” ha commentato il presidente della Camera di Commercio di Latina Vincenzo Zottola “e stiamo elaborando i dati raccolti. Possiamo però già annunciare di aver certamente superato la previsione di 120.000 visitatori complessivi, in considerazione dei dati della giornata del 25 aprile con 60.000 presenze e delle due giornate dell’ultimo fine settimana che vi si sono molto avvicinate”.

Grande soddisfazione tra gli espositori delle diverse aree: Yacht Village, Med Village, Piazza Italia, Villaggio Emissioni Zero, Stampa specializzata, Biblioteca Internazionale del Mare.

“In moltissimi” ha proseguito Zottola “ci hanno richiesto di prolungare la manifestazione almeno fino al 1 maggio, ma ovviamente non è stato possibile accontentarli. E’ un segnale però che ci fa molto piacere, soprattutto in un momento come questo in cui ogni investimento da parte delle imprese è ben ponderato. Ne approfittiamo per invitare fin da subito gli espositori alla prossima edizione dello Yacht Med Festival che si terrà a Gaeta dal 20 al 28 aprile 2013”.

Al centro delle attenzioni del pubblico lo Yacht Village, con cantieri, subfornitura nautica, charter, servizi e assistenza per i diportisti.

120 gli espositori complessivi, provenienti da ogni parte d’Italia, dalla Lombardia fino alla Puglia. Folta in particolare la presenza da Lazio e Campania, a riprova del grande lavoro svolto nell’ambito di Regio Prima, il protocollo di intesa siglato tra le Camere di Commercio di Caserta, Latina, Napoli, Roma, Salerno e Viterbo.

160 invece le imbarcazioni coinvolte, dai 5 ai 24 metri, di cui 120 in banchina e 40 in transito tra regate, dimostrazioni, attività di pesca e passaggio generico.

Numerose le prove a mare effettuate dai cantieri navali presenti lungo la banchina.

Importanti i risultati raggiunti da alcuni espositori che sono riusciti a chiudere importanti contratti di vendita di imbarcazioni.

Molto suggestiva la sfilata notturna di venerdì 27 con circa 40 barche illuminate da luci che ne hanno accompagnato il percorso lungo un tratto del lungomare di Gaeta. Tra queste anche quelle della Capitaneria di Porto, della Polizia e della Guardia di Finanza. A segnarne il passo musiche dal vivo.

Da segnalare anche l’area dedicata agli antichi mestieri della nautica, posta all’inizio del villaggio. Sono state messe in mostra l’esperienza e la sapienza manuale degli artigiani del legno e dei maestri d’ascia.

Un passaggio costante e foriero di soddisfazioni quello che ogni giorno si è manifestato nell’area dedicata all’enogastronomia, all’artigianato artistico, a In artis e alle Pro Loco d’Italia, il Med Village. Degustazioni, assaggi, spiegazioni dal vivo di piatti tipici e produzioni di eccellenza hanno animato la Piazza Italia senza sosta. Al centro la Terrazza Eat Med, sulla quale ogni sera gli ospiti e il pubblico hanno potuto assaggiare sapori tradizionali provenienti dalle province della Campania, del Lazio, della Sicilia e della Puglia e da otto Paesi del Mediterraneo (Betlemme, Francia, Grecia, Italia, Malta, Marocco, Spagna, Tunisia).

Regina del Med Village la Cambusa di Assonautica italiana, un progetto partito dalla Puglia che ha l’obiettivo di diffondersi in tutto il Mediterraneo.

Come gli antichi Greci, che navigando portavano doni nei porti e facevano conoscere la loro terra e le proprie tradizioni, così oggi i diportisti possono diventare “ambasciatori della propria terra” portando i prodotti tipici in tutto il mondo. E’ questo lo spirito dell’iniziativa, che a Gaeta ha aperto la strada, come ha dichiarato il direttore di Assonautica Puglia, Matteo Dusconi, “al primo network a tre del sistema camerale mai realizzato fino ad ora fra le Regioni di Lazio, Campania e Puglia per unire eccellenze dell’enogastronomia, dell’artigianato, del turismo e dei distretti nautici”.

Nel Villaggio Emissioni Zero, che ha ospitato le eccellenze italiane in termini aziendali e di ricerca tecnologica legate all’eco-compatibilità, importanti momenti di confronto intorno alle tematiche della sostenibilità ambientale, il risparmio energetico, l’eco-edilizia hanno animato la parte iniziale del lungo percorso espositivo.

Grande novità di quest’anno l’area dedicata alla stampa specializzata dell’Economia del mare. Hanno esposto materiale e accolto curiosi ed interessati 20 testate nazionali, oltre a quelle locali. Erano presenti, tra gli altri: Acqua, Ansa, Arte Navale, Barche, Bolina, BluMag, Brazil Planet, èItalia, Linea Blu, Nautica, 30nodi, Gusto Mediterraneo e By Tourist, Vela e Motore e Barca per tutti, Yacht Capital e Yacht Design, Yacht&Sail e Y&S TV.

Regina dello Yacht Med Festival la Nave scuola della Guardia di Finanza “Giorgio Cini”, posta al centro del villaggio, che ha ospitato la Biblioteca Internazionale del Mare a cura della Libreria Internazionale Il Mare di Roma.

“Secondo i nostri calcoli” hanno sottolineato il Comandante della Scuola Nautica della Guardia di Finanza Col. Marcello Marzocca e il Comandante della Nave Scuola Giorgio Cini Cap. Alessio Sannino “sono passate per la nostra nave circa 10.000 persone, per visitarla, per vedere la Biblioteca e per partecipare agli incontri letterari che ogni giorno si sono alternati”. “La nostra partecipazione” ha concluso il Colonnello Marzocca “a questo Yacht Med Festival risponde prima di tutto ad un obiettivo formativo verso i giovani, in linea con la nostra attività principale”.

Particolarmente intenso l’incontro con Predrag Matvejevic, al quale è stato assegnato il Mediterranean Award per la carriera.

Fondamentale il supporto da parte di tutte le autorità. In primis Comune di Gaeta, Regione Lazio, Marina Militare, Capitaneria di porto, Guardia di Finanza, Carabinieri, Polizia di Stato e il sistema camerale italiano e mediterraneo. Ma anche Polizia municipale, Protezione civile, Vigili del Fuoco, Croce Rossa Italiana, il cui lavoro è stato silenzioso e prezioso.

Positivo il commento da parte del Comandante della Capitaneria di porto di Gaeta Francesco Tomas: “la nota positiva di questo Yacht Med Festival è certamente la creazione di una squadra di persone che si spendono volentieri per questa città e per questa manifestazione. Di anno in anno l’evento migliora ed è evidente la sua importantissima tendenza all’internazionalizzazione”.

Lo Yacht Med Festival si è rivelato il primo laboratorio per la valorizzazione del Made in Lazio e la sua promozione nel Mediterraneo.

”Ci auguriamo” ha sottolineato la Presidente della Regione Lazio Renata Polverini “che questa manifestazione lasci un segno tutto l’anno come fa da cinque edizioni. C’è una filiera istituzionale che crede in questa iniziativa, ed è uno dei motivi del suo successo. E’ un Festival in crescita: la presenza di tante aziende e istituzioni significa che è un momento che funziona e può rilanciare l’economia del territorio”.

“L’economia del mare” ha commentato il Sindaco di Gaeta Antonio Raimondi “a Gaeta è diventata una realtà. Fin dall’inizio del mio mandato ho scommesso su questa manifestazione, unica nel Mediterraneo”.

Tre i momenti all’interno del programma di maggior rilievo: il 1° Forum Nazionale sull’Economia del Mare, il Salone della Nautica accessibile e la serata spettacolo Viva il Mare con la consegna dei Mediterranean Awards 2012.

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento