AmicheDaMorire

“Amiche da morire” nasce da Giorgia Farina ed  è la sua opera prima. La scelta delle protagoniste cade su tre volti noti che dalle interviste rilasciate affermano con convinzione e entusiasmo quanto questa black comedy  tutta al femminile guidata da mani ancora poco esperte abbia creato sul set un’atmosfera perfetta.

La storia è quella di tre donne che vivono in un’isola del Sud dove i pregiudizi e le maldicenze non mancano. Olivia (Cristiana Capotondi) è ingenua tanto a volte da sembrare tonta a causa di quell’aria da svampita e quel legame ossessivo con le matriarche del paese, Gilda (Claudia Gerini) è al contrario una spregiudicata, una donna dai facili costumi e infine c’è Crocetta (Sabrina Impacciatore), zitella a causa dell’idea diffusa sull’isola che lei porti sfortuna.
Nulla accomuna queste tre donne che improvvisamente per uno strano gioco della sorte si troveranno a metter in scena una loro amicizia pur di nascondere un grave misfatto.

In una commedia proiettata completamente nell’universo femminile , inutile sottolineare il ruolo dell’uomo, ripreso nei suoi aspetti peggiori. Rappresentato come bugiardo, infame, opportunista e anche facilmente raggirabile nel momento in cui una bella donna decidesse di ricorrere a movenze sensuali e ammaliatrici che Gilda, colei che vende l’amore e che conosce molto bene gli uomini insegnerà alle due inesperte fanciulle.
Un film comico, giocoso con una trama simpatica seppur non estremamente impegnativa.

Molto positive sono le risposte che finora sembra aver raccolto l’opera, ottima non solo per un brillante cast ma anche per scenografia, fotografia e costumi.

Amiche da morire giudicato originale perché si distacca dalle solite commedie all’italiana, potrebbe rappresentare davvero il trampolino di lancio per una giovane promessa regista come la Farina?

Annacaterina Scarpetta

Lascia un commento