L’Associazione Marittima Regionale con sede a Gaeta  sottolinea l’esigenza, non più derogabile nel tempo, di istituire l’ufficio di collocamento della gente di mare presso la Capitaneria di Porto di Gaeta.

L’importanza della realizzazione  del collocamento marittimo nel comprensorio di Gaeta, scaturisce dall’esito di un’analisi  territoriale dal quale si evince che, dalla provincia di Roma fino a tutto il basso Lazio, non è presente alcun ufficio avente le competenze del collocamento

Infatti, la stessa Associazione, avente tra i suoi iscritti numerosi ufficiali, sottufficiali e comuni impiegati come personale navigante nella marineria mercantile, è testimone delle continue difficoltà incontrate dal suddetto personale che, a seguito di chiamate all’imbarco, per ottemperare alle formalità burocratiche richieste dalle attuali normative vigenti devono recarsi presso la Capitaneria di Porto di Napoli, con evidenti disagi sia in termini logistici, che economici.

Le direttive governative vigenti sono tese ad una decentralizzazione dei servizi, quindi appare evidente la necessità di assicurare servizi essenziali indipendenti su base regionale nonché territoriali. E’ bene tener presente, nella valutazione della richiesta in atto che, l’intero comparto del personale marittimo localizzato nel sud della regione, isole comprese, è costituito da circa 10.000 unità ed è in progressivo aumento.

Questi dati, facilmente riscontrabili, a nostro avviso già giustificano la richiesta di apertura del predetto collocamento marittimo nella sede di Gaeta.

Inoltre,non è da sottovalutare la circostanza che la Capitaneria di Porto di Gaeta ha ampliato le proprie competenze territoriali con un incremento notevolmente dei propri compiti, nonché dalla risposta favorevole all’attuazione del collocamento da parte di  Finaval Roma, V Ship Italy Napoli, Laziomar s.p.a. Roma, Grimaldi Group Napoli e Snip – Snap Terracina.

 

 

Lascia un commento