Â

A CURA DELL’AZIONE CATTOLICA INTERPARROCCHIALE DI FORMIA IN PROGRAMMA DOMENICA 10 FEBBRAIO 2013

Festa della Pace 10.2.2013

“Diamo luce alla Pace”: una festa per scoprire la pace, sperimentarla attraverso il gioco, essere anche solo per un giorno protagonisti della pace!
E’ in programma domenica 10 febbraio dalle 8.30 alle 15.00 a cura dell’Azione Cattolica dei Ragazzi dell’Arcidiocesi di Gaeta delle Comunità Parrocchiali di San Luca Evangelista, di Santi Lorenzo e Giovanni Battista, della Madonna del Carmine e di Santa Teresa D’Avila, di San Giuseppe Lavoratore, di Sant’Erasmo, del Cuore Immacolato di Maria – Villaggio Don Bosco.
Il programma della giornata prevede alle ore 8.30 arrivi e accoglienza nella piazzetta Iqbal Masih, adiacente alla Parrocchia Madonna del Carmine, ore 9.00 Santa Messa presso la parrocchia Madonna del Carmine, ore 10.30 inizio attivitĂ , ore 13.00 ritrovo e pranzo al sacco, ore 14.00 conclusioni, ore 15:00 tutti a casa; quota di partecipazione tre euro a sostegno del recupero dei ragazzi di strada in Egitto!
In caso di pioggia la festa si svolgerĂ  ugualmente in luogo chiuso.
Il dirigente dell’Azione Cattolica Simona Gionta con comprensibile soddisfazione precisa: “p
iù di duecento ragazzi coinvolti.Il Mese della Pace si inserisce nel cuore dell’anno associativo: dopo aver sperimentato la bellezza di scoprirsi amati, pensati, curati dalle persone che ci sono attorno e dalla paternità di Dio, il Mese della Pace permetterà ai bambini e ai ragazzi di “accendere i riflettori” su alcune realtà della loro città, del loro paese verso cui non hanno mai avuto interesse. Le realtà che si scoprono, spesso, sono realtà di povertà, di bisogno, di solitudine, di esclusione.

Il percorso di conoscenza di sé e del proprio limite passa attraverso l’osservazione attenta del limite dell’altro e dalla consapevolezza che solo l’amore reciproco può permettere di accogliere con serenità i propri limiti, lasciandosi accompagnare ed aiutare. I bambini e i ragazzi sono chiamati a dare luce alla pace, ad illuminare nel modo giusto quelle situazioni che raccontano di pace, di solidarietà, d’amore, di fratellanza autentica. Sono chiamati ad illuminare quelle scene che troppo spesso rimangono nel buio dell’indifferenza, dell’abitudine, del pietismo”.

Nell’anno dedicato al teatro l’iniziativa del centro nazionale è rivolta al progetto triennale per il recupero dei ragazzi di strada in Egitto; il ricavato di alcuni semplici gadget, infatti, servirà al sostegno di un percorso di crescita proposto da un gruppo di padri gesuiti, denominato “Art & Life” ad Alessandria d’Egitto.

“Art e Life” intende andare oltre il semplice coinvolgimento di questi bambini, permettendogli di riprendere fiducia in sé stessi, nelle loro capacità, nel mondo degli adulti, cercando di far sentire loro l’amore di un gruppo e di “riappacificarsi” con una comunità adulta particolarmente insensibile ai loro bisogni”.

 

 

Lascia un commento