Ruolo di regia e di protagonista per Alessandro Siani nel film “Il principe abusivo” che sta riscuotendo un gran successo tra pubblico e critica dal giorno della sua uscita sul grande schermo, non a caso a San Valentino.

Ed in effetti di una storia d’amore si tratta. Una di quelle impossibili.. una favola.

il_principe_abusivo-680

Antonio, uno squattrinato di Napoli, senza né arte né parte, riesce a sopravvivere facendo la cavia in un laboratorio di farmaci e grazie ad un’altra importante attività: lo scrocco.

Non molto lontano in un piccolo principato abita Letizia (Sarah Felberbaum), figlia del Re che vive  il dramma di essere ignota, sconosciuta al popolo e quindi di non poter conseguire importanti risultati nelle beneficenze. Qui il consiglio del ciambellano di corte Anastasio che suggerisce all’elegante principessa di innamorarsi di un povero o almeno di farlo credere ai fotografi. Ed è proprio in questo momento che iniziano i guai per Antonio che se da una parte non crede ai suoi occhi per il castello in cui si ritrova a vivere, dall’altra è costretto a studiare il galateo per apprendere l’etichetta potendo contare solo sull’aiuto del formidabile ciambellano. Ma anche per quest’ultimo la vita riserva una grande sorpresa, Jessica (Serena Autieri), ed infatti in poco tempo i ruoli si rovesciano ed Alessandro Siani nel ruolo di maestro insegna al raffinato Anastasio insulti e modi di fare dei napoletani.
Una commedia semplice e lineare ma nello stesso tempo divertente e esilarante grazie soprattutto alla coppia Siani – De Sica. Sorprendente è proprio l’attore Christian De Sica, nel ruolo del ciambellano che nelle ultime scene si lascia andare anche ad un musical mostrando di riuscire a strappare risate anche in altre vesti che a parere di tutti indossa ancora una volta alla perfezione.

Neanche le musiche tradiscono la patria natia del protagonista nelle note di Amore Amaro di Gigi Finizio e Indifferentemente di Valentina Stella tramutata dall’innamorato Antonio in una delle poesie più sconosciute di Jacques Prévert.

Annacaterina Scarpetta

 

Lascia un commento