congressofelsacisl

SALERNO – Negoziare il presente e migliorare il futuro. Questo il cambiamento culturale auspicato dalla Felsa Cisl di Salerno che ieri mattina, presso il salone ‘Rolando Cian’ della sede provinciale di via Zara, ha eletto i delegati per il congresso regionale di categoria e i candidati al prossimo congresso generale della Cisl Salerno. “La somministrazione rappresenta l’unico esempio positivo di flessibilità contrattata, la forma più opportuna per ridurre la precarietà, se il suo volto naturale non viene trasfigurato dalla crisi”, ha spiegato il segretario generale provinciale della Felsa, Giuseppina Petitti, “Soprattutto nella bilateralità contrattuale, sintesi degli interessi dei lavoratori, delle agenzie e delle parti sociali”. All’incontro è stata sottolineata anche la necessità di un rafforzamento radicale sul territorio che, attraverso la costituzione di sportelli ad hoc, possa creare “un sistema sempre più inclusivo e rappresentativo, che passi per il rafforzamento e l’integrazione del sistema di welfare e prosegua col sostegno al reddito e alle tutele previste per la maternità”, ha dichiarato il segretario generale aggiunto Felsa Campania, Luca Barillà. Evidenziata la necessità di attivare nuovi strumenti di politica, nello specifico i meccanismi della contrattazione e della mediazione, per dare senso di continuità ai rapporti di lavoro, si è poi parlato della capacità del sistema della somministrazione di ricollocare i lavoratori in altre missioni. “Diventa fondamentale valorizzare il ruolo della formazione per accompagnare il lavoratore nel suo percorso”, ha concluso il segretario generale della Cisl Salerno, Giovanni Giudice, “La sfida continuerà a essere quella di spingere l’azione sindacale oltre gli ambiti tradizionali, perché il bisogno di tutela dei lavoratori è sempre più elevato”. Lo scopo, dunque, resta quello di dare voce al mondo delle categorie poco protette come interinali e contrattisti a progetto, dando centralità al lavoro e alla dignità della persona.

Lascia un commento