Oggi alle ore 17 presso la Sala Convegni di Confindustria Salerno, Via Madonna di Fatima n. 194, sarà presentato, alla presenza di Autorità Civili e Militari, la I edizione del Master di Specializzazione  in Musicoterapia della SDOA, realizzato in partnership con il Conservatorio di Musica “Giuseppe Martucci “ di Salerno e la Provincia Religiosa di San Pietro Ordine Ospedaliero S. Giovanni di Dio Fatebenefratelli.

 

Apriranno i lavori Vittorio Paravia, Presidente della Fondazione Antonio Genovesi Salerno – SDOA, Francesco Lanocita, Presidente del Conservatorio di musica “G. Martucci“ di Salerno e Fra Gerardo D’Auria,  Direttore Generale della Provincia Religiosa di San Pietro Ordine Ospedaliero S. Giovanni di Dio Fatebenefratelli.

 

Interverranno: Fulvio Maffia, Direttore Conservatorio “G. Martucci”, Paolo Saturno, Conservatorio “G Martucci”, Pasquale Di Sabato, Liceo Classico Umberto I Napoli, Raffaele Sangiuolo, Responsabile Unità Coronarica e UTIC Ospedale Buon Consiglio Napoli e Mariateresa Iannuzzo, Responsabile Servizio Epidemiologia Ospedale Buon Consiglio Napoli.

 

La I edizione del Master di Specializzazione  in Musicoterapia della SDOA propone un percorso sistemico ed esperienziale che integra i saperi di musica, medicina e psicologia e studia i processi fisiologici e psicologici connessi al linguaggio sonoro con l’obiettivo di formare figure professionali in grado di utilizzare la musica per la risoluzione di differenti patologie in favore di persone di qualsiasi età, fornendo ai partecipanti gli strumenti e le tecniche necessarie per operare in equipe con medici, psicologi e psicoterapeuti per la prevenzione e la risoluzione di molteplici patologie e per facilitare l’integrazione dei soggetti diversamente abili nei vari contesti sociali. Si rivolge a Psicologi, Operatori sanitari, Diplomati di I e II livello di Conservatorio, Laureati in discipline umanistiche, in scienze motorie, in scienze della comunicazione.

 

Il Master è organizzato secondo il tradizionale modello SDOA e, pertanto, le attività formative utilizzano un approccio attivo e preparano i partecipanti all’inserimento professionale: gli interventi dei docenti sono integrati con lo studio di casi clinici ed esercitazioni che sviluppano capacità di diagnosi e di cura, abituando gli allievi al lavoro di equipe.

 

La figura del musicoterapista è sempre più richiesta nelle scuole, negli istituti di detenzione minorile, negli ospedali pediatrici, nelle strutture sociosanitarie semiresidenziali e residenziali dei Dipartimenti di Salute Mentale, nelle comunità terapeutiche, rieducative e riabilitative, operando in equipe con medici, psicologi e psicoterapeuti.

 

La presentazione si concluderà con una performance del tenore Pasquale D’Angelo.

 

Lascia un commento