vonaL’AMMINISTRAZIONE RISPONDE A RAIMONDI

«Sono prive di fondamento le illazioni sollevate da qualche detrattore su eventuali o presunti errori commessi dall’Amministrazione comunale nell’espletamento del bando per l’affidamento del servizio dei rifiuti solidi urbani. Non c’è stato alcun errore nella formulazione del bando; l’anomalia sta nel fatto che la ditta concorrente ha effettuato, come evidenziato dalla Commissione di gara, un’offerta difforme rispetto a quanto richiesto dal capitolato. L’Amministrazione Mitrano, come da consuetudine, si è mossa tempestivamente e nella massima trasparenza amministrativa, nella legalità e nel pieno rispetto della normativa vigente in materia di appalti pubblici». Lo afferma l’assessore all’ambiente Alessandro Vona il quale precisa che il bando di gara per l’appalto per i rifiuti solidi urbani non è stato annullato.

La Commissione di gara, con verbale del 4/4/2013, ha proceduto alla valutazione ed alla verifica tecnica dell’offerta presentata dall’unica ditta partecipante. Da cui si evince l’incongruità tra quanto richiesto dal capitolato d’appalto e ciò che effettivamente veniva offerto dalla società partecipante. Infatti, la commissione ha constatato che le difformità tra le prescrizioni vincolanti del capitolato speciale di appalto – il cui mancato rispetto degli standard prestazionali minimi è assistito da un clausola di tipo escludente – e il contenuto dell’offerta in concreto formulata, non consentiva di procedere alla valutazione dell’offerta tecnica.

Pertanto, la commissione giudicatrice, ai sensi dell’art. 8 del disciplinare, ha determinato l’esclusione del concorrente ed il mancato prosieguo della gara. Con Determinazione n. 23 del 5/4/2013 del Dipartimento Ambiente, Urbanistica e Lavori pubblici si prende atto del verbale di non-aggiudicazione della gara. Ad ulteriore dimostrazione della correttezza dell’Amministrazione Mitrano – che della trasparenza e legalità ha fatto un suo cavallo di battaglia – anche in presenza di una sola ditta concorrente, il dirigente e la commissione hanno svolto in maniera esemplare un ruolo di controllo minuzioso, tale da evidenziare le difformità che hanno portato alla non-aggiudicazione.

«Pertanto – conclude Vona – a chi in questi giorni ha tentato di strumentalizzare la vicenda diffondendo notizie infondate, l’Amministrazione Mitrano risponde con i fatti e con la chiarezza che ci contraddistingue: non si procederà con la solita proroga concessa per vari motivi negli anni passati». Infatti, con successiva Determinazione n. 24 del 5/4/2013, è stata già indetta una nuova gara per la durata di sei mesi per il «servizio di prelievo e trasporto, raccolta rifiuti solidi urbani, raccolta differenziata, spazzamento, pulizia delle spiagge, manutenzione ordinaria del verde pubblico». Nel frattempo, il servizio continuerà ad essere effettuato dalla Società De Vizia fino al 30 aprile, mentre dal 1° aprile sarà effettuato dalla società che si aggiudicherà l’appalto.

 

 

 

Lascia un commento