raimondi

“Un’unica gara d’appalto per la Raccolta dei Rifiuti Solidi Urbani (RSU) per tutto il Comprensorio del Golfo di Gaeta da estendersi magari anche alle Città di Fondi e Terracina”. È questa la proposta del Consigliere ed ex-Sindaco di Gaeta Antonio Raimondi.

“In un momento di grave crisi economica e finanziaria, sia degli Enti Comunali che dei cittadini, le Amministrazioni locali devono fare uno sforzo supplementare per la risoluzione dei problemi, come quello legato alla pulizia delle nostre Città e alla Raccolta dei Rifiuti. Non si può continuare ad agire in maniera isolata su temi quali l’ambiente, le infrastrutture, il turismo ecc.. Sono anni che, per esempio, si parla di Città del Golfo, ma di contenuti veri se ne sono visti pochi. Solo all’inizio della mia Amministrazione nel lontano 2007 si tenne una storica Giunta in comune tra Gaeta e Formia con una agenda di cose concrete da portare avanti insieme per ciascuno degli Assessorati”.

“Il lavoro di condivisione fu molto positivo, ma purtroppo si interruppe con la fine dell’Amministrazione Bartolomeo a Formia agli inizi del 2008. Ora siamo di fronte alla evidente incapacità delle Amministrazioni di portare a termine i relativi bandi per la RSU, essendo tra l’altro questo settore particolarmente “attenzionato” dalle Forze dell’Ordine. Per esempio l’Amministrazione di Gaeta del Sindaco Mitrano ha fallito miseramente e adesso cerca di peggiorare le cose con un bando di appena 6 mesi: alla illegittimità degli atti amministrativi si aggiunge l’incapacità di vedere al di là del proprio naso, cercando di trovare soluzioni di bassissimo profilo invece di avere un ampio respiro che possa non solo migliorare il servizio, ma soprattutto far pagare meno i cittadini che non ce la fanno più a pagare tasse e tributi. L’aumento della povertà a Gaeta e sotto gli occhi di tutti. Dobbiamo assolutamente alleggerire il carico fiscale se vogliamo far ripartire l’economia e questo vale anche per la nostra Provincia”.

“Allora mettiamoci insieme, e questo appello lo rivolgo anche ai Comuni vicini di Fondi e Terracina, anche loro alle prese con un nuovo appalto RSU. Tutti insieme si farebbe massa critica ed un volume tale da ottenere un “ribasso” davvero significativo che inciderebbe positivamente sulle tasche dei nostri concittadini. Capisco che gli Amministratori tengono molto alla cosiddetta “autonomia” comunale, particolarmente in tema di appalti, ma lasciamo il campanile magari agli storici derby soprattutto calcistici e concentriamoci su tutto ciò che oggi possiamo fare per evitare una parcellizzazione che danneggia in maniera concreta la vita quotidiana dei cittadini del sud della nostra Provincia.”

Antonio Raimondi

Capogruppo Consiliare per il Movimento Progressista

Lascia un commento