Mons.-Moretti

«Da questa notte risuona forte l’annuncio che quel Gesù che hanno inchiodato alla croce, che morendo offre la sua vita al Padre per la salvezza degli uomini, ha vinto la morte»: esordisce così l’arcivescovo di Salerno, mons. Luigi Moretti nella sua omelia durante la celebrazione della messa per la Santa Pasqua.

«La Risurrezione non è una favola – ricorda mons. Moretti – non è una parabola o un racconto per esortarci ad essere buoni, ma è il faro che illumina il senso nel nostro vivere».

Il pensiero dell’arcivescovo va poi alle famiglie e ai giovani. «Non basta dire che la famiglia è in crisi, bisogna trovare la condizione per vivere l’amore». Mons. Moretti invita a seguire gli insegnamenti di Gesù: «se lo seguiamo dice – saremo capaci di costruire relazioni vere».

Poi si sofferma sui giovani («si parla del loro grande disagio, delle difficoltà che vivono nello stare insieme nel costruire un futuro insieme») e li invita ad imparare dal Signore, a vivere impiantando sulla roccia, perché “non si può costruire sulla sabbia”.

Lascia un commento