acerno2

Acerno. A neanche un anno dalla sua elezione, il neo sindaco, Vito Sansone, ha già messo in atto le prime politiche sociale per i suoi cittadini. Il comune  di Acerno infatti ha predisposto, dallo scorso novembre, il “Bonus Gas” per tutte le famiglie a basso reddito e numerose. La domanda scade nei prossimi giorni e per ottenere il bonus sociale bisogna compilare la domanda ed allegare il modello Isee, la copia fotostatica del documento d’identità, la copia della bolletta relativa alla fornitura di gas naturale e, per coloro che hanno 4 figli a carico, il modulo E- gas per il riconoscimento della famiglia numerosa. E’ possibile trovare il modello apposito al comune, sia presso l’Ufficio Informazione che sul relativo sito istituzionale. E’ importante porre attenzione al tipo di domanda da compilare, essa infatti è diversa a seconda che il cittadino usufruisca della semplice fornitura individuale di gas, di quella derivante da un impianto condominiale o di entrambe. Per la prima è necessario essere i diretti intestatari della bolletta mentre per la fornitura centralizzata no.

L’iniziativa nel piccolo comune salernitano dei monti Picentini va incontro alle grandi difficoltà di questo momento storico e si adegua con le iniziative già adottate dall’Autorità per l’Energia.  Nello scorso anno, infatti, a gravare sui bilanci economici familiari vi è stata non solo la crisi ma anche l’aumento delle spese di luce e gas. Secondo alcuni studi nell’ultimo vi è stato un aumento per il consumo di energia di circa 180 euro. Le città più colpite sono quelle del sud. A fare la differenza con le bollette del nord forse sono anche le diverse condizioni di vita, dove gli appartamenti ed i nuclei familiari sono più piccoli, nonché molte persone trascorrono l’intera giornata fuori casa, consumando quindi di meno.  Da gennaio 2013 è invece previsto una diminuzione del’ 1,4% per l’energia elettrica ma purtroppo un incremento del’1,7% per il gas. Ad incidere sull’aumento sono state l’aumento per l’aggiornamento delle tariffe di distribuzione, misura, trasporto e stoccaggio. A controbilanciare gli incrementi è stata la piccola diminuzione, rispetto al quarto trimestre del 2012, della materia prima.

In un quadro nazionale ed internazionale dove la crisi lavorativa ed economica fa da padrona, gli amministratori locali, come il sindaco di Acerno, rappresentano davvero i propri concittadini, mettendo in campo iniziative vicino ad essi e cercando di tutelarli e farli sentire parte attiva di uno stato democratico, che si batte per l’eguaglianza sostanziale, sancita nei  principi fondamentali della Costituzione.

Lascia un commento