tavella-camusso

“La situazione di generale incertezza e di ingovernabilità che ci ha consegnato il voto rischia di aggravare la già precaria realtà Campana. Al di là dei festeggiamenti e delle dichiarazioni di vittoria che tanti leader si sono affrettati a fare, la nostra regione continua ad affrontare gravi difficoltà, soprattutto per quanto concerne il mondo del lavoro. Ecco perché non vengono meno le motivazioni che hanno spinto la Cgil Campania a proclamare lo sciopero generale per il prossimo 8 marzo”.

Franco Tavella, segretario generale Cgil Campania, rilancia così la manifestazione indetta dal sindacato.

“Scendere in Piazza – continua Tavella – sarà il modo per sottolineare tutta la nostra preoccupazione per le condizioni in cui versano il territorio e la città di Napoli. Una città non amministrata, spremuta come riserva di voti, abbandonata. Una città che non ha bisogno di anarchia, ma di buon governo e di scelte risolutive per affrontare, senza demagogia, il dramma del lavoro, vera e propria emergenza sociale e democratica. In questo momento non servono quotidiani trasformismi, esaltazioni o autocelebrazioni che rischiano di penalizzare ancora di più i cittadini ed il territorio. La Regione necessita di investimenti pubblici e privati per rilanciare l’economia ed il lavoro. Ma per fare ciò occorre un quadro politico certo ed una visione non improvvisata dello sviluppo e del governo della città di Napoli. Bisogna ripartire dal lavoro, solo così la Campania potrà riprendere la strada della crescita. La Cgil l’8 marzo sciopererà e manifesterà per ripartire da queste priorità. Il lavoro prima di tutto”.

Cristina Ciafrone

Lascia un commento