Sud Sound System3

La suggestiva scenografia naturale del sole che tramonta sul mare farà da cornice al concerto dei Sud Sound System, la band di origini salentine in cartellone venerdì 19 luglio 2013 alle ore 22.30 presso il Dum Dum Republic a Paestum. Un sound energico ed avvolgente, che spazia tra reggae, dancehall, raggamuffin, dub e pizzica.  I Sud Sound System, che da poco hanno festeggiato i venti anni di carriera, hanno esordito nel 1991 con il 12 pollici “Fuecu – T’a sciuta bona”, provocando un notevole impatto nell’universo musicale italiano, sia per l’uso del dialetto salentino, sia per l’impegno senza retorica dei testi. Una storia iniziata in linea con la tradizione del reggae dance hall giamaicano: due piatti, le casse e il microfono. Ed e’ così che nascono le prime dance hall per gli amici più intimi, in casa, fino a spostarsi, con il semplice passaparola, nelle campagne salentine, tra gli ulivi secolari, i frantoi abbandonati e i 40 gradi d’estate. Ben sette album all’attivo, da  “Comu Na Petra” nel ‘96, che vede la collaborazione con i tamburellisti salentini, gettando le basi per quel raggamuffin intriso di pizzica, da sempre parte costituente imprescindibile della natura del gruppo e che prenderà forma con i brani “Afro ragga taranta jazz” e ”Crisce”. Tanti i temi sociali toccati dai componenti del gruppo (Don Rico, Papa Gianni, GGD , Terron Fabio, Nandu Popu), come nel brano “Dane Culure”, che denuncia l’inquinamento nel Salento, i cui proventi sono devoluti ad associazioni per la lotta contro i tumori.

Al aprire il live dei Sud Sound System, il Dj Set diFrizzy Pazzy e Top Ranking Rockers (Raffaman & Dario Core).

I Sud Sound System inaugurano la stagione dei grandi concerti del Dum Dum Republic, da sempre è alla ricerca di nuovi talenti e di artisti del panorama musicale alternativo. Mare, sole e relax di giorno e grandi happy hour e party al calare del sole.

 

L’atmosfera che si respira, coinvolgente, frizzante e romantica, conferisce un appeal in più alla nostra piccola arena sul mare, realizzata per ospitare i nostri eventi –spiega Biancaluna Bifulco, titolare dello stabilimento che sorge in riva al mare – La politica che usiamo nella scelta dei gruppi è coerente con la nostra filosofia, a “just simple way of life”, ovvero una vita semplice. Quando siamo nati negli anni ’90, tutti i lidi erano di ispirazione lounge, invece noi abbiamo preferito distinguerci. Intendiamo la spiaggia come una vita immersa nella natura, da vivere a piedi scalzi. Il nostro è un lifestyle, in cui ognuno possa sentirsi libero di essere. Da sempre abbiamo grande attenzione per la musica, il vero collante tra le persone. Il binomio spiaggia-musica è perfetto. Anche per il concerto dei Sud Sound System abbiamo preferito un prezzo popolare, solo 12 euro, perchè la musica deve essere di tutti”.

 

Altra caratteristica fondamentale del Dum Dum Republic, ben nota agli assidui frequentatori, è lo staff coeso e che resiste nel tempo.

La nostra è una visione comunitaria del lavoro –sottolinea Biancaluna – Il gruppo è nato circa 17 anni fa e ci ispiriamo moltissimo a Cuba o alle spiagge del Messico. La nostra è una scelta di vita, lavoriamo tantissimo nei mesi estivi, accontentandoci a volte, nel tentativo di superare anche l’inverno. Siamo un po’ tutti soci di questa iniziativa e spesso i ragazzi rischiano anche in proprio. Non è il classico rapporto di lavoro titolare-dipendente. Il Dum Dum è una famiglia ed è la dimensione umana che prevale. La nostra somiglia a un’estate anni ’60, in cui l’allegria è di casa, con semplicità nei rapporti, in cui sono coinvolti tutti, staff e clienti. Il prossimo obiettivo, in prospettiva, è trasformarci in un villaggio”.

 

Il Dum Dum Republic sarà protagonista anche della grande estate all’arena dei templi oltre alla recente partnership con il Modo Ristorante, il jazz club di via Bandiera. Le due strutture insieme presenteranno il djset di Philippe Cohen Solal from Gothan Project, in cartellone il prossimo 3 agosto, e il djset degli Incognito, featuring Bluey&Francis il 16 agosto. Probabile anche il djset dei Subsonica oltre alla selezione musicale di Alfredo Maddaloni, mentre a fine estate gran finale con il festival diretto da Roy Paci, con tre giorni consecutivi dedicati al reggae e alla musica ska.

Cristina Ciafrone

Lascia un commento